Tradizioni e Amicizia
Servizi

Storia Maria Luggau

Santuario e Basilica di Maria Luggau


LA STORIA DI MARIA LUGGAU

Sono poche le notizie che possediamo relativamente dal paese di Luggau, a 1170 m sul mare nella Valle del Gail in Carinzia. Oggi vanta circa 550 abitanti, ma alla fine del secolo XVI il paese era composto da circa 16 case abitate dai contadini che lavoravano nei campi e nei boschi dei signori di Pittersberg. La narrazione sulle origni del santuario della Madonna di Luggau venne posta per iscritto allorchè il conte Giovanni di Ortenburg, governatore della Carinzia, radunò gli anziani della vallata per raccogliere dalla loro viva voce quanto sapevano sulla storia del santuario mariano. Tra gli altri era presente un vegliardo di 116 anni soprannomi nato "Mattia dei Prati." Secondo questo racconto, dove sorge oggi la Chiesa si trovava un campo assai fertile, coltivato da una donna pia, ma povera. Un giorno, stanca dal lavoro, si pose a sedere e si appisolò. Nel sogno ebbe come una visione: in quel medesimo luogo sarebbe sorta una chiesa ed ella stessa anzi avrebbe dovute impegnarsi in questa costruzione. 

Affresco volta Santuario


Svegliatasi dal sonno, in un primo momento non pensò più alla visione, anche perchè non riusciva a capacitarsi come una povera donna come lei avrebbe potuto erigere una chiesa. Ma l'idea, nonostante gli sforzi, le rimaneva fissa nella mente e la tormentava giorno e notte. Disse allora a se stessa: "Se in tutto questo c'è qualcosa di vero, io accenderò una candela nel campo e questa dovrà ardere continuamente per tre giorni e tre notti. In tal caso dovrò ritenere che la visione è venuta dal Cielo". Detto e fatto: la candela arse per tre giorni senza mai spegnersi nonostante il forte vento. Convinta allora che l'ordine veniva dall'Alto, con i suoi risparmi comprò prima di tutto una immagine dell'Addolorata, una "Pietà" che portò di casa in casa raccontando l'accaduto e chiedendo aiuti per la costruzione della Chiesa. Ma Elena (questo era il nome della donna) raccolse solo derisioni e scherni; venne anzi presa per pazza e truffatrice e chiusa in prigione. I giudici però dovettero riconoscere la sua rettitudine e la rilasciarono.
Le sofferenze e le umiliazioni subite, indubbiamente per volere del Cielo, mutarono l'atteggiamento dei compaesani verso di Lei ed alcuni contadini, senza averne avuto richiesta fornirono il legname necessario per la costruzione della cappella dove venne collocata !'immagine dell'Addolorata che Elena aveva acquistato.
Mentre il falegname stava lavorando per la copertura del tetto, un abitante del luogo - minorato mentale - entrò nella piccola cappella e colpito forse dalla vivacità dei colori della statua, la prese con se e stava per portarla via quando il falegname lo ammonì invitandolo a rimettere la sacra immagine al suo posto.

*****
La narrazione ci dice che il poveretto obbedì al comando dell'operaio, e contemporaneamente riacquistò l'uso della ragione. Il fatto contribuì a spargere ancor più la fama del piccolo santuario.
Elena ne trasse motivo per recarsi dal conte Giovanni di Manndorf, a Pittersberg perchè la cappella in legno potesse essere sostituita da una costruzione in muratura.
Le sue parole dovettero essere efficaci perchè il conte Giovanni stesso si recò a Luggau per fare in modo che la costruzione fosse completata al più presto. Ma incontrò viva resistenza da parte dei contadini, probabilmente perchè venivano toccati i loro interessi. Viste le difficoltà, abbandonò il progetto e riprese il cammino per Pittersberg. A metà strada però il cavallo si imbizzarrì ed il conte, rimasto appeso per una staffa, venne trascinato a lungo per la strada, quando il cavallo all'improvviso si fermò; Giovanni si ritrovò del tutto illeso. Interpretò l'accaduto come un segno del Cielo, ritornò a Luggau e si diede da fare perché la chiesa venisse costruita al più presto.
La chiesetta, dato il continuo e crescente affluire dei pellegrini, risultò ben presto troppo stretta ed insufficiente. Dopo due anni venne demolita e sostituita da una nuova costruzione assai ampia. I lavori ebbero termine nel 1536 ed il 26 agosto di quell'anno, Daniele de Rubeis, vescovo di Caorle, consacrò la chiesa dedicandola alla Madonna della Neve.
*****
Nel 1593 il conte di Ortenburg fece costruire, accanto al1a Chiesa, un convento che venne affidato ai Minori Francescani. Nel 1594 Francesco Barbaro, patriarca di Aquileia, eresse in chiesa la parrocchia.

Altare Santuario


Ritiratisi i Francescani, nel 1635 il conte Giorgio di Ortenburg donò chiesa e convento ai Servi di Maria, così come aveva consigliato Claudia de' Medici, vedova dell'arciduca Leopoldo d'Austria. Nel 1640 un incendio distrusse il convento, ma la chiesa non subì alcun danno.
La Chiesa, costruita tra il 1520 ed il 1544, è in stile gotico. La pala dell'Altar Maggiore è un'opera giovanile del pittore veneziano Cosroe Dusi (1808-1859) che la dipinse nel 1834 raffigurandovi l'Assunzione.
La piccola statua, sovrastante l'Altare, raffigura la Pietà: la Vergine porta tra le braccia il Figlio morto.
Gli altari laterali hanno due tele raffiguranti una Deposizione dalla Croce e S. Luca che dipinge la Madonna con il Bambino Gesù. Interessanti i due altorilievi Iignei che adornano questi altari: sono del 1520.
Gli affreschi della volta della Chiesa si riferiscono alla storia di Luggau; quello sopra l'organo, raffigura la Madonna che dona l'abito ai 7 Santi Fondatori dei Servi di Maria. Troviamo raffigurati i 7 Santi anche nella tela posta sopra la porta laterale; di fronte, il transito di S. Giuseppe.
Il campanile, con guglia a cipolla, si deve a Bartolomeo Vierthaller. All'esterno, davanti al campanile, la Pietà di K. Campidell (1958).
I Pellegrini di Maria Luggau provengono dalla Carinzia, dalla Stiria e dal Salisburghese. I pellegrinaggi dall'Italia provengono dalla Carnia, da Sappada, dal Comelico e Cadore, e si svolgono tra giugno e settembre.
La devozione popolare verso la Madre del Signore è documentata anche dalle tavolette votive che adornano il Chiostro: sono una ingenua ma valida testimonianza di fede e di fiducia nella intercessione della Madonna da parte del popolo cristiano.
I quadri del Chiostro raffigurano la storia di Luggau, la vita del beato Giacomo Filippo Bertoni da Faenza dei Servi di Maria ed altri Santi e Beati dello stesso Ordine.

back

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database