Chiesa Santa Anna
Servizi

I Tesori d'Arte: le chiese e i capitelli

I Comuni del Comelico rientrano tra quelli interessati dal progetto pluriennale intitolato "Tesori d'artenelle chiese dell'Alto Bellunese", finalizzato alla valorizzazione del patrimonio architettonico, artistico e religioso custodito nelle sue chiese. Dal 2003 al 2006, grazie anche a finanziamenti comunitari, sono stati condotti studi e ricerche su alcuni dei più significativi monumenti dell'area, anche oggetto di restauri sia nelle parti architettoniche che in quelle pittoriche e di arredo sacro. Sono stati messi a punto, oltre a materiali informativi (guide alle chiese, monografie e cd-rom) specifici percorsi di fruizione al pubblico da compiere individualmente o in gruppo. Sono inoltre state formate guide locali per dare la possibilità ai visitatori di arricchire i propri percorsi culturali. Sono ben ottanta i "capitelli" del Comelico. Punteggiano ogni angolo della vallata, segnano i crocicchi della viabilità antica, su dossi esposti e panoramici o in qualche appartato recesso. Apparizioni repentine e suggestive che testimoniano la profonda devozione dei nostri avi, attestazioni visibili della loro fede, ex voto per grazie ottenute, vite salvate, rientri da peripezie belliche, salvamenti da calamità. Tabernacoli, oratori, edicole, altarioli… terminologie variegate che si identificano nel vocabolario veneto "capitél". Alcuni si presentano più eleganti ed elaborati, altri più rustici, modesti. I più antichi risalgono al '600, uno dedicato a S. Anna reca sul frontone la data MDXV. I più pregevoli incorporano altarioli in legno scolpito, elaborato, dorato, con statue lignee o pitture ad olio. Ben trenta sono dedicati alla Madonna vista come Grande Mediatrice, Madre indulgente e caritatevole. Ai Santi sono dedicate complessivamente venticinque chiesuole: 16 a S. Antonio da Padova, seguono S. Rita, S. Anna, don Bosco, S. Giuseppe, S. Teresa di Lisieux, S. Elisabetta, S. Antonio Abate. Una ventina di altarioli è dedicata al Cristo Crocefisso, simbolo della sofferenza e della mortificazione, cardine della liturgia dei tempi antichi. Sono centinaia i crocefissi, piccoli o grandi, modesti o preziosi, consumati dalle intemperie o di recente fattura, che punteggiano le campagne, i crocicchi, i tabià, che segnano i muri delle case e dei rustici. Al Sacro Cuor di Gesù, devozione più recente, sono intitolati sei capitelli.
Soprattutto a Casamazzagno restano testimoniate le "memorie" di incidenti boschivi, dipinti su tavolette di legno, "ancone" nel dialetto comeliano, testimonianti la "pietas" popolare ed un passato di fatiche e sacrifici. Va evidenziato il valore religioso, storico, culturale ed artistico di queste testimonianze ereditate dai nostri padri. E' uno stimolo per le nuove generazioni al recupero della memoria collettiva sui rituali della pietà popolare, sui sacrifici, privazioni e sofferenze che caratterizzavano la cultura e la vita delle antiche popolazioni.

Chiesa pievanale di S. Maria Assunta - Candide
Chiesa dei SS. Rocco e Osvaldo - Dosoledo
Chiesa di S. Luca Evangelista - Padola
Chiesa di S. Leonardo nuovo - Casamazzagno
Chiesa di S. Leonardo vecchio - Casamazzagno
Chiesa di S. Antonio Abate - Candide
Chiesa caduti di Cima Vallona - loc. Tamai Sega Digon
Chiesa Di SS. Elisabetta, Lazzaro e S. Sebastiano – Dosoledo
Chiesa Madonna delle Grazie - Padola
Chiesetta di S. Anna - Padola
Chiesa di S. Nicolò - S. Nicolò di Comelico
Chiesa Parrocchiale di Santo Stefano - S.Stefano di Cadore
Chiesa dei SS Filippo e Giacomo - Campolongo di Cadore
Chiesa Parrocchiale San Pietro  Apostolo - San Pietro di Cadore
Chiesa di San Volfango - Presenaio
Chiesa di Sant'Anna - Costalta

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database